Libero Community Blog Video News Mail Search ADSL & Internet
  Cerca le notizie    nel web 
  Mattutino | Newsletter   Meteo 
 
   le nuove news
   come eravamo
   editoriali
   webmagazine
   speciali
   noi2000
   gossip
   internet life
   newsletter

Speciale Musical 
A tutto musical


Dalla commedia musicale di Garinei e Giovannini ai nuovi, grandi allestimenti dei nostri giorni. Il pubblico scopre la passione per lo spettacolo

Sarà perché c’è la musica, quella che ti entra dritta nell’anima, che ti rapisce e che è capace di suscitare immediatamente le emozioni più diverse. Sarà perché c’è il ballo e perché quando le coreografie sono studiate ad arte è sempre affascinante vedere dei corpi che si muovono seguendo la musica. Sarà perché gli effetti scenici e gli allestimenti grandiosi riescono a trasportarti dentro la scena e dentro la storia.

Fatto è che il pubblico italiano sembra aver scoperto una nuova passione per il grande e affascinante Musical Theatre. Anche se bisognerebbe parlare più correttamente di riscoperta visto che la commedia musicale in Italia ha iniziato ad avere successo a partire dalla seconda metà degli anni ’50 grazie alle fortunatissime messe in scena di Garinei e Giovannini, padri del teatro musicale e protagonisti indiscussi del panorama italiano fino agli anni’70.

Autori di alcuni fra i titoli più famosi della storia del teatro musicale come "Rugantino" (in cartellone anche quest'anno e sempre con la regia di Pietro Garinei), "Aggiungi un posto a tavola", "Cielo, mio marito", "Se il tempo fosse un gambero" e tanti altri, hanno lavorato con molti fra i più importanti artisti italiani, come Aldo Fabrizi, Delia Scala, Alberto Sordi, Marcello Mastroianni, Walter Chiari, Nino Manfredi, Enrico Montesano (solo per citarne alcuni)

Oggi naturalmente il panorama del musical in Italia è molto diverso. È cambiato il pubblico, che è diventato più critico ed esigente, ed è cambiato il modo di concepire l’allestimento scenico, non più legato ai modi delle riviste e dei varietà, ma sempre più vicino alle produzioni di Broadway.

Non a caso l’inizio di questa rinnovata euforia si ha con le prime rappresentazioni in Italia di alcuni fra i musical più popolari all’estero: primo fra tutti "Cats", un successo che apre la strada, e le porte dei teatri italiani, anche ad altri grandi spettacoli stranieri ("The Rocky Horror Show", "Jesus Christ Superstar"), ma anche a traduzioni volute e create ad hoc per il nostro paese da intraprendenti registi ("La piccola bottega degli orrori", "Chicago"), ad adattamenti di film musicali già famosi presso il grande pubblico ("Grease", "Hello Dolly!", "My Fair Lady", "La febbre del sabato sera", e prossimamente anche "Gianburrasca", e "Tutti insieme appassionatamente", con Michelle Hunziker) e a nuove produzioni originali ("Pinocchio", "Tosca, amore disperato", "Dance", "Lady Day" ).

Ma perchè il musical sta avendo così tanto successo? Quali sono i segreti di questo genere teatrale? E quali i punti deboli? Abbiamo provato a parlarne con chi di musical se ne intende, cercando anche di fare un piccolo confronto con altre realtà europee, prima fra tutte la Germania, dove esiste un vero e proprio mercato del musical e dove gli spettacoli vengono realizzati con grandi investimenti.



15  ottobre  2004

  Alice Voltolina
  dalla rete
Musical.it Il portale italiano del musical
Cats Un must dello spettacolo musicale mondiale
Dams La prima università della musica e dello spettacolo

  sommario
A tutto musical 
In cartellone 
Gli altri spettacoli della stagione 
Saverio Marconi, una passione che viene da lontano 
Il musical secondo Massimo Romeo Piparo 
Storia di un successo non previsto
Scritto da Richard O'Brien nel '73, il "Rocky Horror Show" debutta il 18 giugno dello stesso anno sul palcoscenico del Royal Court. Ed è subito successo. Questo fanta-horror, volutamente grottesco, un po’thriller e un po’ manifesto libertino, conquista il pubblico in una maniera davvero inaspettata. Dopo l'incredibile successo registrato prima a Broadway e poi al Roxy di Los Angeles, il 24 ottobre del ’74 iniziano le riprese del “Rocky Horror Picture Show”. Il ruolo principale vien affidato a Tim Curry, praticamente perfetto nella parte dello scellerato Dottor Frank’N Furter, moderno Frankestein venuto dallo spazio, trasgessivo, bisessuale e malinconico al tempo stesso. Accanto a lui una giovanissima Susan Sarandon, nei panni di una timida fanciulla che in una notte di pioggia e mistero scoprirà le gioie del sesso e del piacere.
© ITALIAONLINE 2014 - P. IVA 11352961004 -  Pubblicità  - Aiuto  - Info  - Condizioni d'uso  - Privacy  - Libero Easy