Libero Community Blog Video News Mail Search ADSL & Internet
  Cerca le notizie    nel web 
  Mattutino | Newsletter   Meteo 
 
   le nuove news
   come eravamo
   editoriali
   webmagazine
   speciali
   noi2000
   gossip
   internet life
   newsletter

sotto le lenzuola 
Giovani donne insoddisfatte

Un sondaggio della Swg rivela che le italiane, soprattutto tra i 20 e i 24 anni, non conducono una vita sessuale appagante

Le italiane sono da sempre molto invidiate all'estero, grazie alla fama da latin lover del maschio italiano. Negli anni, questa reputazione è andata via via svanendo fino all'ultimo terribile verdetto. Altro che focosi: i maschi del Belpaese non soddisfano più le proprie compagne. Ma non è soltanto questo: oltre ai problemi di coppia si inseriscono anche tabù culturali e disturbi di salute.

L'indagine è stata realizzata dalla Swg, una società di sondaggi, su commissione della Novo Nordisk, un'azienda che si occupa di salute e ricerca: 1001 donne intervistate, di età compresa tra i 20 e i 55 anni. Tra tutte, solo il 5,1% si è dichiarato soddisfatto della propria vita sessuale. Con un colpo di scena: a lanciare l'allarme sono soprattutto le più giovani, tra i 20 e i 24 anni. Detto questo, è necessario analizzare le cause.

Il 62,3% delle italiane intervistate ritiene indispensabile - e come dar loro torto - il contributo del partner per soddisfare la tanto importante componente sessualedel rapporto. Oltre alla perfetta armonia di coppia intervengono problematiche di carattere prettamente sessuale come, nel 41,3% dei casi, disturbi nel raggiungimento dell'orgasmo, calo del desiderio (38,8%) e, nel 32,4%, problemi a raggiungere l'eccitazione.

Il dato legato a disturbi ginecologici e urologici è importante e non deve essere sottovalutato: la conferma viene data dalla professoressa Alessandra Graziottin, direttore del centro di ginecologia e sessuologia medica dell'ospedale San Raffaele di Milano. La professoressa spiega infatti che sono molte le donne che non riescono a provare piacere durante il rapporto per colpa di infezioni anche comuni, ma non per questo da ignorare, come cistiti e vaginiti : debellare questi piccoli fastidi è possibile e semplice grazie a trattamenti specifici come creme e compresse.

Oltre a lamentarsi perché lo praticano poco e male, le donne italiane ammettono di avere ancora molti tabù legati al sesso: il 37,8% si vergogna di parlare con le amiche dei propri problemi intimi e il 31,4% è imbarazzata anche di fronte al proprio compagno. La maggior parte preferisce confidarsi con il proprio ginecologo (73,3%) preferendo un approccio più formale e scientifico. Da notare però che, sempre secondo questo campione femminile, le fonti più utili per informarsi sono le riviste femminili (37,9%) e la televisione (32,2%).

Questa analisi in rosa del sesso infatti non è dettata dalla disinformazione, tutt'altro: la maggior parte vanta un alto livello di conoscenza sulle malattie. Le più informate sono le donne che assumono la pillola (86,4%) e anche quelle in menopausa (81,3%). Un divario si nota tra nord e sud del Paese: più documentate le prime (82,8%) rispetto alle seconde (67,4%).

14  luglio  2004

  Alice Sandrolini
  dalla rete
Spicy Libero Impara a trasgredire
Salute Saperne di più
Cambiare partner? Un forum chat ti aiuta
vai all'archivio di sotto le lenzuola

I sintomi da non sottovalutare
La scarsa soddisfazione sessuale delle donne non è una novità. Nel mese di marzo, un sondaggio condotto da Eurisko, ha mostrato un quadro altrettanto deprimente: sei donne su dieci si dichiaravano insoddisfatte. La causa emergente però era la scarsa autostima: su mille intervistate, il 66% dichiarava di non piacersi per nulla, il 62% si imbarazzava nello spogliarsi davanti al partner e il 60% aveva difficoltà a togliersi i vestiti per affrontare una visita medica. Molte difficoltà derivavano da una scarsa informazione sull'argomento, in particolare tra le più giovani: per questo era partita anche una campagna di informazione nelle università italiane. Alla luce di questo nuovo sondaggio, che rivela una maggiore informazione generale, si nota come almeno da questo punto di vista, la situazione sia migliorata.
© ITALIAONLINE 2017 - P. IVA 03970540963 -  Pubblicità  - Aiuto  - Info  - Condizioni d'uso  - Privacy  - Libero Easy