Libero Community Blog Video News Mail Search ADSL & Internet
  Cerca le notizie    nel web 
  Mattutino | Newsletter   Meteo 
 
   le nuove news
   come eravamo
   editoriali
   webmagazine
   speciali
   noi2000
   gossip
   internet life
   newsletter

tecnovita 
I dialer non sono morti

I programmini "succhiasoldi" sono vivi e vegeti. Ecco come funzionano e, soprattutto, come difendersi

La dialer-age non è finita. Dopo le denunce delle associazioni dei consumatori, dei singoli cittadini, le allerte della stampa specializzata e non, i programmini succhia-soldi continuano a imperversare sul web (ma il portale Libero ne è totalmente privo) e a far spendere un sacco di euro a chi, inconsapevolmente, li utilizza.

Di cosa si tratti è presto detto: un dialer è un programma molto leggero da scaricare che, una volta installato sul proprio pc, reimposta la connessione a internet verso numeri speciali, molto cosotosi. L'utente che lo utilizza si ritrova in bolletta un addebito pesante, che può raggiungere anche centinaia di euro. Il tutto può essere attivato con un semplice clic su un banner pubblicitario o su un pop-up. Il pericolo è dunque reale, soprattutto per gli utenti meno esperti.

La questione, esplosa qualche anno fa, continua a mietere vittime tra i navigatori. Sul sito della Adusbef (associazione dei consumatori) continuano le segnalazioni e le denunce di utenti raggirati. Chi vi scrive si è ritrovato in bolletta, per due volte consecutive, due scatti da 10 euro l'uno imputabili a dialer. Secondo una stima per difetto di qualche mese fa, nel 2003 sono stati circa 2 milioni gli italiani raggirati grazie ai dialer; nello stesso anno sono state circa 200mila le denunce presentate alla Polizia postale. Proprio per questo sono state prese delle contromisure legislative che hanno tentato di frenare il fenomeno, senza peraltro riuscirci pienamente.

In breve: il 1 agosto 2003 è stato pubblicato sulla G.U. n. 177 il nuovo piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni (operativo dal mese successivo) che ha rivisto i tetti massimi di spesa per le numerazioni 709 (utilizzate dai dialer): 0,06 euro al minuto e 0,1 euro di scatto alla risposta. Di conseguenza al posto della numerazione 709 (non più redditizia) sono stati rispolverati gli 899 per i quali però è stata introdotta una spesa massima di 10.33 euro + Iva a telefonata. Senza contare la nuova frontiera del raggiro: la deviazione delle connessione verso numeri (carissimi) di telefoni satellitari. L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha inoltre evidenziato come, chi promuove un servizio che usa dialer deve indicare chiaramente i costi anche nella pubblicità del servizio stesso. Non è sufficiente indicarli nel dialer medesimo o nelle "condizioni di contratto" da qualche parte nel sito: l'indicazione deve essere fornita durante il "primo contatto" con il potenziale consumatore, quindi per esempio anche nei banner pubblicitari presenti nei siti web. Allora, tutto risolto? Neanche per idea.

Attualmente, le numerazioni sfruttate dai dialer all'avanguardia sono sostanzialmente due: 0088xxx e 0068xxx. Si tratta di chiamate su rete satellitare (0088) e verso isole dell'Oceania (0068). Le tariffe, su rete Telecom, variano da 1,99 a 3,16 euro Iva inclusa al minuto.

Il dialer in sé però, è bene ricordarlo, non è illegale, ma esistono diversi metodi per evitare questo tipo di raggiro. Il primo è quello di installare e utilizzare l'acceleratore 6x di Libero. Il motivo è semplice: fin quando l'acceleratore è attivo, l'utente è sicuro di essere connesso a un numero di Libero e non a un dialer. Secondo metodo: utilizzare una linea adsl invece che una connessione con dial-up tradizionale. In questo caso però, attenzione a non lasciare inserito il doppino telefonico nel modem tradizionale del pc: le chiamate "maligne" potrebbero partire lo stesso. Terzo metodo: disabilitare le chiamate verso numerazioni speciali. Dal 1 giugno 2003 è possibile richiederlo gratuitamente al 187 di Telecom Italia: le chiamate verso i numeri 144, 166, 709 e 899 ma anche verso i numeri della zona 7 (0088 e 0068), se richiesto saranno sospese.

Concludendo
: i dialer non sono morti, anche se per fortuna sono agonizzanti. Merito anche dei grandi portali che, come Libero, hanno scelto da tempo di essere dalla parte dell'utente, dialer free.

18  gennaio  2005
Alessandro Gennari

vai all'archivio di tecnovita

© ITALIAONLINE 2017 - P. IVA 03970540963 -  Pubblicità  - Aiuto  - Info  - Condizioni d'uso  - Privacy  - Libero Easy