Libero Community Blog Video News Mail Search ADSL & Internet
  Cerca le notizie    nel web 
  Mattutino | Newsletter   Meteo 
 
   le nuove news
   come eravamo
   editoriali
   webmagazine
   speciali
   noi2000
   gossip
   internet life
   newsletter

 
Cellulare, ti regalo

A Natale, secondo la Confesercenti, si donano telefonini, ma soprattutto l'hi-tech. E a tavola non si risparmia

Gli italiani sono davvero impazziti per i cellulari. A distanza di una decina d'anni dall'introduzione sul mercato sono ancora loro, i telefonini il regalo più gettonato sotto l'albero, a dispetto delle previsioni che parlano di un mercato ormai saturo. Suonerie polifoniche, sms, mms e videoconversazione continuano a conquistare i consumatori. Una riduzione complessiva di 125 milioni della somma destinata ai regali, è toccata invece a libri, cd, giocattoli (con un calo delle vendite del 5%) e abbigliamento (-10%). Anche i computer e l'alta fedeltà audio-visiva sono risultati tra i più gettonati. Ed è questo il settore dove si sono registrati cali dei prezzi tra il 5 ed il 10% a Venezia, Torino e Palermo, del 10% a Roma, Milano, Genova, Firenze, Cagliari e Napoli e addirittura del 15% a Bologna e Bari. In particolare sono andati forte i lettori mp3 e, appunto, i telefonini con fotocamera integrata. Forte è anche la domanda di fotocamere digitali e dvd, computer da tavolo e portatili. Per gli acquisti più impegnativi, come le tv al plasma, l'orientamento è invece per il pagamento a rate. Per questo settore, la Confesercenti ha previsto prima di Natale vendite in aumento del 10%. Su una cosa è sicuro che gli italiani non andranno al risparmio: le tavole imbandite. Su pranzi e cenoni la spesa gastronomica non è in calo, a parte parte qualche eccezione come Napoli.

Fra i regali degli adulti c'è stato qualche profumo in meno, mentre sono aumentate le vendite di gioielli incoraggiate, a quanto dicono, anche dalla flessione dei prezzi, soprattutto a Roma, Milano, Firenze e Bari. Poca attenzione per libri e cd, con un calo degli acquisti in media del 5%, con punte del 10% a Genova e Palermo. E anche le vendite di capi d'abbigliamento fanno riscontrare una flessione tra il 10 ed il 15%. Più pazio ai meno costosi accessori, dai guanti alle sciarpe ai cappelli, con il ritorno della coppola anche in versione femminile. Particolarmente gettonata la biancheria intima da donna, con la conferma di guepiere, corpetti e calze ricamate.

Quanto ai bambini, meno spese per i giocattoli nonostante i prezzi invariati: -10% secondo le previsioni degli addetti ai lavori. Non sono mancate però sotto l'albero le ultime creazioni: per le femmine le nuove versioni di Barbie (Ali di fata e Principessa povera) e le Bratz, più maliziose e siliconate; per i maschi, ancora l'Uomo Ragno e soprattutto Shrek, l'orco verde e buono che sta tornando sugli schermi cinematografici con la sua nuova avventura. Tecnologia anche per i piccoli, con il Robosapiens, un robot tuttofare telecomandato, una delle novità dell'anno. Grande ritorno delle piste per le macchine, bene anche i roller e per i Trasformer, mitici robot degli anni ottanta.

Prima di Natale la previsione della Confesercenti è stata negativa: gli esperti avevano preannunciato prezzi generalmente stabili e vendite in stallo, con una somma complessiva destinata ai regali inferiore di 125 milioni rispetto a quella dell'anno scorso. Ora che è passata la festa non ammetteranno mai di averci guadagnato, e molto, anche quest'anno.

26  dicembre  2004

  Daniele Passanante
  dalla rete
i-Mode Wind Telefonini per tutti
Confesercenti L'associazione dei commercianti
Coldiretti L'associazione dei coltivatori diretti
  articoli correlati
News2000 Sotto l'albero, l'aumento
Canali Libero Speciale Natale 2004

vai all'archivio di economia

Abbuffate natalizie
Complessivamente gli italiani hanno consumato in cenoni e pranzi di Natale prodotti a denominazione di origine per un valore di 1,5 miliardi di euro all'interno del quale sono presenti i 145 prodotti nazionali a denominazione di origine (Dop/Igp) riconosciuti dall'Ue e i 25 vini Docg e 303 Doc. «La crescita del 5% di prodotti alimentari tipici come regalo di Natale è dovuta - dichiara la Coldiretti - all'aumento delle opportunità offerte dagli imprenditori agricoli presenti in molte città con veri e propri mercatini».
Prezzi in aumento
Con il nuovo anno arriverà un'ondata di rincari su tariffe e bollette e questo potrebbe far sentire i suoi effetti sui listini dei negozi. A mettere le mani avanti sono, come sempre, gli esercenti: «Se tariffe e bollette aumentano non necessariamente ci sarà una crescita automatica dei prezzi, ma il rischio di ritocchi al rialzo ci sta ed è una cosa che noi denunciamo da tempo».
© ITALIAONLINE 2017 - P. IVA 03970540963 -  Pubblicità  - Aiuto  - Info  - Condizioni d'uso  - Privacy  - Libero Easy