Libero Community Blog Video News Mail Search ADSL & Internet
  Cerca le notizie    nel web 
  Mattutino | Newsletter   Meteo 
 
   le nuove news
   come eravamo
   editoriali
   webmagazine
   speciali
   noi2000
   gossip
   internet life
   newsletter

 
Sempre meno stranieri
in vacanza in Italia

Se c'è qualcosa da ripristinare per rilanciare il turismo, è un ministero specifico, e non certo la tassa di soggiorno che manderebbe ulteriormente in crisi un settore già in difficoltà. Parola di Bocca, presidente di Confturismo

Il Bel Paese, la meta di quello che nel '700 era chiamato il "Grand Tour" compiuto da rampolli inglesi e borghesia tedesca, ha sempre meno fans tra gli stranieri negli ultimi tempi. Dall'estero si sceglie di meno l'Italia come meta di vacanze: dal 2000 al 2003 lo Stivale ha perso circa 3 milioni di presenze da oltreconfine, con un saldo negativo di quasi 4 miliardi di euro annui. Il bilancio del 2004 sembra ancora più pesante in quanto le presenze straniere in Italia si sono ridotte del 10%, altri 4milioni in meno rispetto al 2003.

Il turismo italiano attraversa una delle crisi più profonde degli ultimi anni. Un trend negativo che ha colpito un po' tutte le regioni del nostro Paese con vistosi cali, per esempio, del 15-20% per il turismo tedesco, austriaco e svizzero in Liguria, del 30% per quello tedesco in Campania, mentre i Laghi del Nord Italia hanno registrato flessioni del 15% ed Emilia Romagna e Marche del 10%. Il quadro emerge dal Rapporto Eurispes sull'Industria del Turismo in Italia che Gian Maria Fara, Presidente dell'istituto di ricerca, ha presentato di recente a Rimini in occasione delle due Giornate Nazionali del Turismo.

Gli operatori del settore si lamentano, e la paventata reintroduzione della tassa di soggiorno (fino al 5% del prezzo di vendita della camera) non è certo lo strumento per rilanciare un comparto che necessita di ben altre misure. Questo il punto di vista del presidente di Confturismo, Bernabò Bocca, che pochi giorni fa ha fatto il punto sul settore, evidenziando come il motivo di questa situazione è la "perdita di competitività" e le sue responsabilità sono molteplici e hanno tutte una causa comune: la mancanza di una politica vera e costruttiva per il rilancio del settore.

Da un lato, infatti, basta vedere quanto investe il nostro Paese in promozione turistica rispetto ai principali competitors europei: solo 24 milioni di euro nel 2004 contro i 103 della vicina Spagna o i 74 dei cugini d'Oltralpe; o ancora è sufficiente paragonare le aliquote Iva di alberghi e ristoranti che, sulle imprese di casa nostra, gravano per il 10% contro, per esempio, il 7% della Spagna o l'8% della Grecia, Paesi a forte vocazione turistica, come pure accade per agenzie di viaggi e stabilimenti balneari. «Se in Italia c'è qualcosa da ripristinare per rilanciare il turismo quel qualcosa è un Ministero specifico (soppresso per effetto del Referendum popolare del 18/4/93, ndr), e non certo la tassa di soggiorno, già abolita nel 1989,che manderebbe ulteriormente in crisi un settore già in difficoltà». Così spiega Bocca, che poi continua: «La tassa di soggiorno che potrebbe essere introdotta nella prossima Finanziaria è una pazzia. Vorrebbe dire togliere alle nostre aziende 1,5 miliardi di euro di investimenti e di fatto far salire l'Iva al 15% penalizzando ancora di più il turismo italiano».

Ma qual è quindi, in sintesi, il decalogo delle richieste di Confturismo per la ripresa del settore? No alla tassa di soggiorno, istituzione di un'autorità nazionale di governance per il turismo, coinvolgimento delle associazioni di categoria e delle Regioni in quello che sarà il nuovo Enit, armonizzazione dell'iva rispetto ai competitors europei, una maggiore e migliore promozione della marca turistica italiana, snellimenti burocratici e rivisitazione della proposta governativa sui canoni demaniali. Perché non bisogna dimenticare che il comparto turismo rappresenta il 10% del Pil italiano e continua a essere un settore produttivo in termini di posti di lavoro: nel 2003, pur ricevendo un quarto degli incentivi economici concessi a termini di legge all'industria, ha generato circa il 17% di posti di lavoro in più.

20  novembre  2004

  Antonella Laudonia
  dalla rete
Confturismo L'istituzione nata nel 2000
Federalberghi Albergatori associati
Viaggi Cresce il turismo online

vai all'archivio di economia

Turismo online
Cresce in maniera esponenziale il volume di affari del turismo online. Secondo uno studio condotto dalla società americana Jupiter Research - e ripresa dal Financial Times - nel 2004 il mercato dei viaggi prenotati e organizzati via internet farà registrare un incremento del 20% toccando, a livello complessivo, la cifra di 54 miliardi di dollari. Il mercato è trainato dalla maggiore diffusione di internet ai quattro angoli del pianeta e dagli sconti praticati dalle agenzie di viaggio elettroniche
Top Arrivi
La graduatoria degli arrivi internazionali nei dieci Paesi leader nel mondo per il turismo non ha subito particolari variazioni tra il 2002 e il 2003. Infatti, Francia, Spagna, Stati Uniti e Italia continuano a occupare le prime quattro posizioni di questa particolare classifica. Il Canada passa dalla settima alla decima posizione, registrando una flessione pari al 12,7% nel 2003. Al contrario, salgono di una posizione Austria e Germania. Si sono evidenziate inoltre le potenzialità dell'industria turistica cinese, che in alcune località di maggiore interesse registra incrementi degli arrivi internazionali anche pari al 100%.
© ITALIAONLINE 2017 - P. IVA 03970540963 -  Pubblicità  - Aiuto  - Info  - Condizioni d'uso  - Privacy  - Libero Easy