Libero Community Blog Video News Mail Search ADSL & Internet
  Cerca le notizie    nel web 
  Mattutino | Newsletter   Meteo 
 
   le nuove news
   come eravamo
   editoriali
   webmagazine
   speciali
   noi2000
   gossip
   internet life
   newsletter

 
In Borsa nuovi titoli entro fine 2004

Si tratta di quelli derivanti dalla privatizzazione di Poste Italiane e la terza tranche del collocamento Enel. Mentre la Rai prosegue sulla strada del collocamento

Si allarga l'offerta di titoli nella Borsa italiana. Entro la fine dell'anno ci saranno infatti sul mercato nuove azioni da poter acquistare: quelle delle Poste Italiane e di Enel.

Risale a pochi giorni fa la notizia della privatizzazione delle Poste. L'annuncio è stato dato dall'amministratore delegato del gruppo, Massimo Sarmi, che ha sottolineato come la manovra correttiva dei conti pubblici operata dal Governo, che taglierà al gruppo 75 milioni di euro, anche se non trascurabile non interferirà nell'obiettivo del collocamento in Borsa. Del resto, il primo semestre di quest'anno si è chiuso positivamente per Poste Italiane, facendo segnare un'aumento dei ricavi di corrispondenza e servizi finanziari a due cifre. Un progresso decisamente migliore rispetto al +6% di crescita prevista dal piano strategico 2004-2006. Sarmi ha tenuto a ricordare che il momento del collocamento in Borsa «è scelto dall'azionista», sottolineando che ci sono comunque tempi tecnici nell'ordine dei 12-18 mesi.

Tempi più stretti per Enel: è previsto entro novembre il collocamento della terza tranche della società. Già da questo mese sono in corso i lavori per mettere a punto il prospetto informativo, in modo che a settembre si possa avviare l'iter su termini, condizioni e modalità per piazzare le azioni. Al massimo per la prima settimana di novembre il via. Poi, come annunciato dal Tesoro, entro la prima metà del mese avverrà la cessione della quota. Gli advisor non sono stati ancora stabiliti, ma è molto probabile che saranno gli stessi della prima tranche, ossia Mediobanca e Merrill Lynch. Sull'eventuale totale privatizzazione di Enel, il vice ministro dell'Economia, Mario Baldassarri,ha sottolineato che la mossa «deve essere accompagnata da una riflessione profonda: si tratta di valutare se si possono creare cinque o sei competitori».

La collocazione ha stupito gli analisti: la decisione era scontata nella sostanza, ma ha sorpreso nei tempi e la reazione del mercato non è stata positiva. Come sottolinea Chris Rowland, capo economista della Dresdner Kleinwort Wasserstein: «Nel breve periodo e sino a metà novembre è difficile che i titoli Enel si riprendano dalle perdite di Borsa subite con l'annuncio del collocamento. Nel medio periodo, tuttavia, l'andamento del titolo potrebbe essere positivo».

Ci vorrà più tempo, invece, per la Rai, che comunque percorre la strada verso il collocamento. Risale a fine luglio il via libera del cda di Rai Holding al processo di fusione tra la stessa e Rai Spa, con grande soddisfazione da parte del ministro della Comunicazioni Gasparri, che nei giorni precedenti aveva auspicato l'accelerazione del processo. «È un risultato positivo - ha commentato il ministro - che ci permette di procedere con maggiore speditezza verso la privatizzazione della tv pubblica».

11  agosto  2004

  Luisa Rota
  dalla rete
Enel Ente nazionale per l'energia elettrica
Poste Sito ufficiale delle Poste Italiane
Rai Sito ufficiale della tv pubblica italiana

vai all'archivio di economia

Enel corre
Se è vero che Enel è già quotata e quindi non serve l'autorizzazione di Borsa Italiana al collocamento, è necessario tuttavia avere il via libera al prospetto di Consob (e presentarlo anche alla Sec, dal momento che i titoli sono anche quotati alla Borsa di New York). Il programma - e il relativo prospetto informativo - dovranno prevedere i dettagli dell'Offerta pubblica di vendita (Opv). Per l'Opv ai primi di novembre, la Consob dovrebbe dare il via libera al prospetto entro la metà di ottobre. Seguirà il consueto road show per la presentazione della società sulla maggiori piazze finanziarie, che di solito dura tre settimane (l'ultima coincide con quella dell'Opv).
© ITALIAONLINE 2017 - P. IVA 03970540963 -  Pubblicità  - Aiuto  - Info  - Condizioni d'uso  - Privacy  - Libero Easy