Libero Community Blog Video News Mail Search ADSL & Internet
  Cerca le notizie    nel web 
  Mattutino | Newsletter   Meteo 
 
   le nuove news
   come eravamo
   editoriali
   webmagazine
   speciali
   noi2000
   gossip
   internet life
   newsletter

 
Lotta all'ultimo volo

Voli che costano una pizza, aereoporti che scoppiano di salute. Spopola sempre di più la tariffa aerea rivoluzionaria

Chi pensava fosse soltanto una moda passeggera si è dovuto ricredere: al portafoglio non si comanda. Volare al costo di una pizza è diventata dapprima un'abitudine poi una rivoluzione vera e propria. Un anno fa analizzammo nel dettaglio i motivi per cui i volare a basso costo conviene; niente fronzoli e risparmi strutturali nella gestione delle compagnie: questa più o meno fu la conclusione del nostro ragionamento.

Adesso è il momento di vedere perché e per chi questo modo di volare è così rivoluzionario. Per capire bene di cosa stiamo parlando basti pensare che in Italia, soltanto nel 2004, sono state attivate quaranta nuove tratte. E ancora: sono circa venti le compagnie low cost che volano attualmente sopra i nostri cieli, mentre una anno e mezzo fa si contavano più o meno sulle dita di una mano. In pratica con pochi euro è possibile raggiungere le maggiori capitali europee. Un volo Pisa-Parigi costa per esempio 60 euro andata e ritorno (tasse escluse - Easyflight) mentre uno Roma-Francoforte ne costa appena 13 (Rynair); e ancora Milano Parigi costa 40 euro (volareweb.com) mentre Roma-Parigi ne costa 50 (volareweb.com). Le tariffe però cambiano frequentemente, anche più volte in un giorno, a secondo della richieste pervenute.

La tariffa rivoluzion-aria, è proprio il caso di dirlo, lo è per molti, anzi lo è proprio per tutti. Per i viaggiatori, che possono volare più frequentemente senza sborsare cifre stratosferiche. Per le nuove compagnie di vettori che possono entrare in un mercato, quello aereo, per molti anni controllato da pochi monopolisti; per i "vecchi" monopolisti che si devono adeguare ai concorrenti altrimenti rischiano di scomparire (low fare contro low cost). Ma anche per le singole città, regioni, province che hanno fiutato l'affare e non vogliono in alcun modo lasciarselo sfuggire. Per capirci: entro novembre 2005 è prevista l'apertura di un terminal a Ginevra (Svizzera) dedicato esclusivamente alle compagnie low cost, che altrimenti minacciano di lasciare l'aereoporto: la sola Easy Jet fa trasitare nello scalo due milioni di passeggeri all'anno, il 25% sul totale. Perderla non sarebbe certamente un buon affare. E ancora: In Europa sono molte le regioni che fanno a gara per accaparrarsi simili colllegamenti, certe di poter contare su clamorose impennate in termini di presenze come è successo in Spagna (Catalogna e Paesi Basci) e Germania dove quasi tutte le grandi città sono ormai raggiungibili con voli di questo tipo. Anche in Italia è lotta all'ultimo volo: è di questi giorni la notizia che Rynair potrebbe spostare il proprio hub da Orio al Serio a Torino Caselle che può contare sui cospicui investimenti legati alle Olimpiadi 2006. Staremo a vedere.

Quello che è certo è che i voli rivoluzionari sono atterrati da tempo anche sul web. E non solo con i loro siti, dove è possibile acquistare i biglietti in tempo reale ma anche e soprattutto con servizi comparativi specializzati, costruiti ad hoc da società terze con l'intento di far risparmiare tempo e denaro all'utente finale. È il caso di volagratis.it o edreams.it che offrono con pochi clic la soluzione personalizzata secondo le proprie esigenze. In conclusione: nonostante la minaccia terroristica, nonostante la crisi economica, i collegamenti aerei continuano a crescere grazie alle compagnie low cost. Molti hanno intuito da tempo l'affare "aereo" e per questo sono saliti sul treno: non sarà facile farli scendere visti tutti i soldi che girano a bordo.

31  luglio  2004

 
  dalla rete
Volare al costo di un caffè I segreti delle compagnie low cost
Offerte speciali e vacanze nel canale viaggi di libero.it
Edreams per prenotare sul web il tuo viaggio aereo

vai all'archivio di economia

L'anno del boom
Il traffico internazionale dei passeggeri nei primi sei mesi del 2004 è cresciuto del 20,4% mentre quello cargo è aumentato del 13% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il load factor passeggeri è salito al 73% nel primo semestre dell'anno mentre a giugno si è attestato al 75,6%. Lo ha reso noto la Iata, l'associazione internazionale del Trasporto Aereo. «Se continuerà l'attuale trend - ha commentato il direttore generale e Ceo della Iata, Giovanni Bisignani - potremo concludere l'anno, salvo eventi imprevisti, con una crescita a doppia cifra, superando le previsioni di un aumento annuo del 7,5% fatte nello scorso mese di marzo». L'elevato prezzo del carburante, osserva la Iata, continua a essere la più grande minaccia agli utili dell'industria aeronautica. I prezzi del barile di petrolio rimangono di circa 6 dollari sopra i livelli previsti per il 2004, aumentando così di 6 miliardi di dollari i costi delle compagnie.
© ITALIAONLINE 2017 - P. IVA 03970540963 -  Pubblicità  - Aiuto  - Info  - Condizioni d'uso  - Privacy  - Libero Easy