Libero Community Blog Video News Mail Search ADSL & Internet
  Cerca le notizie    nel web 
  Mattutino | Newsletter   Meteo 
 
   le nuove news
   come eravamo
   editoriali
   webmagazine
   speciali
   noi2000
   gossip
   internet life
   newsletter

 
Gunther von Hagens,
artista dei corpi plastificati

Cadaveri in mostra «in nome della scienza», sostiene l'autore delle opere. Ma dietro all'anatomia ci sarebbe un traffico di corpi con le prigioni cinesi

Gunther von Hagens, tedesco, 58 anni, è professore di anatomia, nonché artista autoproclamato, ribattezzato dai media "Dottor Morte". Nel 1977 ha messo a punto la plastination, un metodo di conservazione delle salme che permette di preservare organi e tessuti attraverso un trattamento chimico che prevede di sostituire con plastica l'acqua che compone le cellule. Il processo ha un altro vantaggio, quello di far sì che i cadaveri si possano mantenere in posizioni realistiche: si potranno ammirare così corpi che giocano a basket, a scacchi, a scherma, che vanno a cavallo.

Più di 13 milioni di visitatori hanno visitato le sue controverse mostre, per ora organizzate in Germania, Giappone, Inghilterra, Corea del Sud, Svizzera, Belgio, con un costo dei biglietti fra i 6 e i 12 euro: un giro di denaro non indifferente. «Scopri il mistero sotto la tua pelle», è uno degli slogan dell'itinerante Body World (Körperwelten). Numerose sono state le persone che hanno criticato l'arte anatomica di von Hagens, accusandolo di mettere in mostra il macabro, aver poco rispetto per la morte e per la dignità umana. Lui risponde anteponendo a tutto la divulgazione scientifica, il merito di aver fatto uscire l'anatomia dagli asettici laboratori e specificando che i corpi sono appartenuti a persone che hanno volontariamente messo a disposizione di medici professionisti il proprio corpo.

Lo scoop di qualche giorno fa del tabloid tedesco Der Spiegel, però, porta alla luce qualcosa che và ben oltre l'accusa di cattivo gusto. Dietro le quinte delle mostre ci sarebbe infatti un'azienda che conta ben 170 operai impegnati a scuoiare e sezionare cadaveri in stile catena di montaggio (vedi fotogallery) e una compravendita di corpi, non donazione. È la Von Hagens Plastination Ltd, con sede a Dalian, nella Repubblica popolare cinese. A quanto emerso, l'inventario totale dei corpi, scorte incluse, ammontava in data 12 novembre 2003 a 647 cadaveri di adulti, 3.909 membra tra mani, gambe, piedi, peni e uteri, 182 tra embrioni, feti e neonati. Le ragioni che hanno spinto il dottor Morte a impiantare la sua fabbrica proprio in Cina sono semplici. Dalian, oltre a essere una tra le più belle città turistiche della repubblica, nonché zona molto competitiva dal punto di vista dell'innovazione tecnologica, conta due penitenziari e un campo di lavoro, dove sono rinchiusi e anche giustiziati, oltre a delinquenti comuni, dissidenti, attivisti del Fulan Gong e attivisti per i diritti umani. Il secondo motivo è che proprio in Cina la legislazione sull'utilizzo dei cadaveri è ben più flessibile di quella tedesca dove solo i corpi degli individui che avevano dato il conseso possono essere indirizzati a scopi scientifici. Le altre fabbriche si troverebbero a Heidelberg (Germania) e Bischkek (Kyrgyzstan).

Tra i corpi "importati" ci sarebbero anche quelli di una ragazza e di un ragazzo giustiziati con un colpo di pistola alla nuca. Repubblica, citando Der Spiegel, riporta un telegramma di un manager cinese della Von Hagens Plastination Ltd: «Ci hanno appena fornito due esemplari freschissimi, di prima qualità. Sono così freschi che i loro fegati sono appena stati venduti per trapianti urgenti: un uomo e una donna, entrambi giovani». L'artista avrebbe ammesso che i suoi collaboratori hanno accettato la consegna, cosa che ha suscitato in lui orrore, tanto che i responsabili sono stati licenziati. Altri cadaveri ancora potrebbero provenire da un Istituto di Medicina Legale della città russa di Novosibirsk dove alcuni corpi erano scomparsi nel nulla.

Cappello nero calcato sulla nuca, von Hagens si difende sostenendo di svolgere le sue attività nel rispetto delle leggi dei Paesi dove opera. E si vanta che dopo aver visitato le sue esposizioni il 10% dei visitatori smette di fumare e il 30% diventa donatore di organi.



2  febbraio  2004

  Alessandra Del Re
  dalla rete
Koerperwelten Mostra anatomica di veri corpi umani
Canale finanza Arte e mercati
Università di Milano Dipartimento di Anatomia Umana
  articoli correlati
Reality show estremo Autopsia in diretta eseguita da von Hagens
Liberi di essere cremati Una vittoria per la cultura della "morte laica"
Città sotterranee Le catacombe dei Cappuccini di Palermo

vai all'archivio di società

La mostra
«La mostra anatomica di veri corpi umani permette di capire cose uniche del corpo umano sano e malato. Durante la visita vedrete diversi organi in una serie di circostanze differenti. Potrete imparare cose riguardo le loro funzioni e le malattie che li interessano. Infine avrete l'occasione di studiare le diverse e complesse strutture anatomiche dei corpi interi e a sezioni trasversali». Dal sito Körperwelten.
Perchè farsi "plastificare"
Nella lista del patologo tedesco ci sono circa 3.600 persone desiderose di donare il proprio corpo, e le richieste aumentano a un ritmo di cinque al giorno. «Per molti la plastinazione è il modo per secolarizzare la propria sepoltura - spiega il professor von Hagens - e attenuare l'angoscia di perdere la vita, attraverso la possibilità di estendere la propria esistenza fisica dopo la morte».
Costi
Von Hagens vende i suoi corpi plastificati alle università di circa 40 Paesi nel Mondo. Il costo delle salme arriva fino a 75mila euro.
© ITALIAONLINE 2017 - P. IVA 03970540963 -  Pubblicità  - Aiuto  - Info  - Condizioni d'uso  - Privacy  - Libero Easy