Libero Community Blog Video News Mail Search ADSL & Internet
  Cerca le notizie    nel web 
  Mattutino | Newsletter   Meteo 
 
   le nuove news
   come eravamo
   editoriali
   webmagazine
   speciali
   noi2000
   gossip
   internet life
   newsletter

 
Un'isola solo per i cani

Fido è triste e sottomesso? In Florida c'è un atollo per riportarlo alla normalità

A un cane si può volere bene in mille modi. C'è chi lo considera alla stregua di un bimbo viziato da portare in vacanza o in pasticceria e chi lo tratta "alla pari" tanto da renderlo partecipe del ménage di coppia o da portarlo in un postribolo ad hoc, un po' come se fosse un commilitone finito a svernare in un porto dei mari del Sud.

Esiste poi una categoria di "padroni" che vuole tanto bene ai propri amici a 4 zampe da... liberarsene, spedendoli su un'isoletta al largo delle coste della Florida. Un paradosso? No, a giudicare dal successo che sta vantando la società americana che ha ideato il progetto Dog Island.

Si tratta, come dice il vocabolo stesso, di un'isoletta riservata solo a pastori, barboncini e compagnia sulla quale i signori padroni sono i benvenuti solo 3 volte l'anno. Su questo piccolo lembo di terra i cani fanno una vita... da cani. Nel vero senso della parola. Possono correre senza temere di calpestare le aiuole del vicino, abbaiare anche in piena notte e fare i bisognini in assoluta libertà.

Gli ideatori di questo progetto sostengono che, malgrado quello che noi crediamo, i cani non siano veramente felici, anzi. Per loro, sopravvivere rispettando le leggi dell'uomo equivale a tirare a campare in un regime di schiavitù. Per questo il modo migliore per ridare loro la felicità perduta è rimetterli in libertà in un ambiente tutto loro in cui valgano le loro regole.

Ma lasciati soli in un piccolo ambiente i cani daranno libero sfogo alla natura? Ossia: si mangeranno tra loro magari iniziando da quelli più piccoli per finire con quelli più deboli e vecchi? Gli organizzatori in linea di principio lo escludono soprattutto perché per sfamarsi i cani possono mangiarsi i 10mila conigli di cui l'isola è stata popolata e poi perché i cani sono stati divisi su più isole a seconda della taglia. E infine, con un pizzico di cinismo, ammettono: che tra cani i rapporti possano finire così è una cosa naturale, perciò se deve accadere, lasciamo che accada. Per ora pare che sull'isoletta ci siano oltre 2500 animali e se si vuole andare a vedere come sta il cane nel suo ambiente naturale si può alloggiare in lussuosi bungalow riservati a un prezzo non precisato, comunque caro.

10  maggio  2003

  Massimo Mencaglia
  dalla rete
Animali in casa Uno zoo negli appartamenti italiani
First dog I cani dei presidenti Usa
Vacanze da cani In villeggiatura con un amico che fa "bau"

vai all'archivio di attualità

Il cane che sbranava i paraurti
Forse aveva un saporino prelibato, forse aveva un aspetto allettante, fatto sta che a un cane della contea di Bulloch negli Usa, il paraurti della macchina dello sceriffo piaceva assai. Con i suoi morsi il "bestione" ha finito per attivare l'antifurto della macchina. Una pattuglia è subito intervenuta ma, come si è potuto evincere dal verbale, in un primo momento non ha riscontrato nessun danno, solo dei cani uno dei quali nero e particolarmente grosso che si aggiravano intorno alla vettura. Ma quando l'allarme è scattato per la seconda volta, gli agenti tornati sul posto hanno svelato l'arcano: la chiamata in centrale era stata attivata dal cagnolone nero che con i suoi morsi aveva sbranato in più punti il paraurti della macchina.
© ITALIAONLINE 2014 - P. IVA 11352961004 -  Pubblicità  - Aiuto  - Info  - Condizioni d'uso  - Privacy  - Libero Easy