Libero Community Blog Video News Mail Search ADSL & Internet
  Cerca le notizie    nel web 
  Mattutino | Newsletter   Meteo 
 
   le nuove news
   come eravamo
   editoriali
   webmagazine
   speciali
   noi2000
   gossip
   internet life
   newsletter

 
Influenza all'attacco

Non sarà pesante, ma contagerà circa 2,5 milioni di persone nelle prossime 6 settimane. I più colpiti saranno i bambini

È stata un'Epifania impietosa per molti bambini. Non tanto per un'improbabile Befana avara di dolci e regali, quanto per le ultime battute delle festività trascorse a letto con la febbre.

«Siamo nella fase di salita dell'epidemia di influenza» sostiene il responsabile del laboratorio influenza dell'Istituto di Virologia dell'Università Statale di Milano, Fabrizio Pregliasco. «Per ora - prosegue Pregliasco - i casi in Italia sono circa 100mila e altri 400mila con sindromi simili all'influenza. L'epidemia non sarà particolarmente pesante e i casi dovrebbero essere di circa 2,5 milioni nelle prossime 6 settimane. Ma sarà la riapertura delle scuole il momento determinate: ci sarà un incremento sensibile anche perché il 40% dei casi - conclude Pregliasco - riguarda bambini tra gli 0 e i 4 anni».

La conferma, sulla base però di dati ancora preliminari, arriva dal coordinatore del comitato scientifico della task force sull'influenza del Centro per il controllo per le malattie del ministero della Salute, Pietro Crovari. Secondo queste informazioni, «L'andamento dell'influenza ha seguito una parabola ascendente: 0,71 casi per 1000 abitanti tre settimane fa, per passare nelle settimane successive a 1,9 e 1,45 casi per 1000 abitanti. Gli ultimi dati disponibili (ancora parziali e relativi alla scorsa settimana, ndr.) indicano invece che il numero di casi influenzali, sul totale della popolazione, è salito a 2,36 per 1000 abitanti. Si tratta - conclude Crovari - di quella che consideriamo la soglia dell'inizio del picco epidemico».

Comincia, dunque, la fase più delicata dell'epidemia e i più colpiti saranno i bambini: l'incidenza dei casi tra 0 e 4 anni è infatti pari a 7 per 1000 ed è la più alta; 5,37 casi per 1000 è invece l'incidenza tra i bambini di età 5-14 anni; 2,2 tra 15 e 64 anni e 0,67 negli ultrasessantacinquenni (che rappresentano la fascia di popolazione maggiormente vaccinata). «L'influenza - ha sottolinea il presidente della Federazione italiana medici pediatri (Fimp) Pier Luigi Tucci - è arrivata dopo le prime avvisaglie intorno a Natale. Ancora un paio di settimane, e poi avremo il picco». L'influenza, ha quindi ricordato il presidente Fimp, porterà nei bambini febbre alta (che può arrivare a 39-40 gradi), secchezza di gola e tosse generalmente secca. I più grandi, oltre a tali sintomi, presenteranno anche dolori muscolari.

Che fare di fronte all'epidemia che avanza? «A questo punto - sostiene Crovari - potrebbe già essere troppo tardi per ricorrere alla vaccinazione. Per chi vuole vaccinarsi, siamo davvero alle ultimissime battute». Quanto alle raccomandazioni sui bambini già influenzati, Tucci consiglia «di tenere i bambini a riposo, e soprattutto di tenerli a casa qualche giorno dopo la fine della malattia, anche se ci sono impegni scolastici. Se la febbre è alta e supera i 38 gradi e mezzo dando fastidio e dolore, è opportuno assumere antipiretici. L'alimentazione, poi, deve essere leggera e nutriente».

Insomma, se la Befana ha trovato diversi bambini a letto, gli insegnanti, secondo le previsioni degli esperti, troveranno molti banchi vuoti intorno alla metà di gennaio. Mal comune, mezzo gaudio.



8  gennaio  2005

  Gigi De Sanctis
  dalla rete
Ministero della Salute Il sito ufficiale del dicastero
FIMP Federazione Italiana Medici Pediatri
Canale salute Hai un dubbio? Chiedi al medico virtuale

vai all'archivio di attualità

Arance nella calza della Befana
«Più arance nella calza e l'influenza non sarà più un problema». Il consiglio, lanciato dalla Coldiretti alla vigilia dell'Epifania, non è di certo un rimedio nuovo. Gli agrumi infatti, grazie all'elevato contenuto in vitamina C, rappresentano da sempre una difesa naturale contro i malanni di stagione. Ma, secondo la Coldiretti, questo toccasana non è mai stato adeguatamente valorizzato, nonostante in Italia si prevede una produzione di due milioni di tonnellate di arance, oltre 400mila tonnellate di clementine e circa 170mila tonnellate di mandarini. La vitamina C, secondo gli esperti, assicura una guardia attiva e continua contro i radicali acidi, influenza il metabolismo dei carboidrati e degli acidi grassi per trarne energia, favorisce l'assorbimento intestinale del ferro, minerale indispensabile per la formazione dei globuli rossi del sangue, produce una migliore permeabilità della parete dei capillari combattendone la fragilità e, infine, interviene nel processo di calcificazione delle ossa.
© ITALIAONLINE 2017 - P. IVA 03970540963 -  Pubblicità  - Aiuto  - Info  - Condizioni d'uso  - Privacy  - Libero Easy